CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE (CNR)

 

Istituto di Chimica dei Composti Organo Metallici (ICCOM)

 

 

 

IL DIRETTORE

 

·         Visto l'art. 51, comma 6, della legge 27 dicembre 1997, n. 449;

·         Visto il disciplinare concernente la stipulazione di contratti di prestazione d'opera ai sensi degli articoli 2222 e seguenti del codice civile per specifiche prestazioni previste da programmi di ricerca del CNR con oneri a carico di finanziamenti esterni;

·         Visto il progetto di ricerca “New Chemistry and Catalysis with Hydride Compounds (HYDROCHEM)”, della durata di 48 mesi dal 31 ottobre 2002 al 30 settembre 2006 finanziato dalla UE;

·         Viste le norme e le condizioni del Contratto UE n. HPRN-CT-2002-00176 in base al quale il progetto HYDROCHEM è finanziato;

 

DISPONE

 

Art. 1

Oggetto della selezione

 

E' indetta una selezione pubblica, per titoli e colloquio, finalizzata alla stipulazione di un contratto di prestazione d'opera, ai sensi degli articoli 2222 e seguenti del codice civile e sotto forma di rapporto di collaborazione coordinata e continuativa, per lo svolgimento dell’attività di ricerca Sintesi e reattivita’ di idruri metallici idrosolubili da utilizzare in catalisi omogeneapresso la sede dell'ICCOM, Firenze, nell'ambito del progetto di ricerca HYDROCHEM (Contratto UE n. HPRN-CT-2002-00176) sotto la responsabilità scientifica del dott. Maurizio Peruzzini.

 

Art. 2

Durata ed importo del contratto

 

Il contratto avrà una durata di 12 mesi (1 aprile 2004 – 31 marzo 2005) eventualmente rinnovabili in presenza della necessaria disponibilità finanziaria e delle esigenze del predetto programma di ricerca, previo giudizio favorevole da parte del Direttore dell’Istituto predetto e del Responsabile della ricerca.

Eventuali differimenti della data di inizio dell'attività prevista nell'ambito del contratto d'opera, o eventuali interruzioni dell’attività medesima, verranno consentiti in caso di maternità, di assolvimento degli obblighi militari o di malattia superiore a 30 giorni. L’ interruzione dell’attività prevista nell’ambito del contratto d'opera, che risulti motivata ai sensi di quanto sopra disposto, comporta la sospensione della erogazione del corrispettivo per il periodo in cui si verifica l’interruzione stessa. Il termine finale di scadenza del contratto d'opera è posticipato di un arco temporale pari al periodo di durata dell’interruzione.

Il corrispettivo lordo del contratto d’opera è stabilito in 30.000,00 euro e sarà corrisposto in rate mensili posticipate previa emissione di apposita ricevuta da parte del contraente. Il corrispettivo di cui sopra è comprensivo anche di eventuali rimborsi spese per il trasferimento e la sistemazione iniziale.

Sulla base della legislazione vigente, detto corrispettivo, in caso di contraente residente in Italia è assoggettato: all'imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF); all'addizionale regionale e comunale all'IRPEF; al contributo previdenziale INPS (gestione separata ai sensi dell’art. 2, commi 26 e seguenti, della legge 8 agosto 1995, n. 335 e successive modificazioni ed integrazioni); all'obbligo assicurativo ed infortunistico INAIL (D. Lgs. 23 febbraio 2000, n. 38). In caso di contraente non residente in Italia, il corrispettivo medesimo è assoggettato: all’imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) a titolo di imposta, nella misura del 30% sull’ammontare dei compensi percepiti nel periodo d’imposta, ai sensi dell’art. 25 comma 2 del DPR n. 600/73 o, in alternativa, ai trattamenti previsti dalle convenzioni bilaterali; all'obbligo assicurativo ed infortunistico INAIL (D. Lgs. 23 febbraio 2000, n. 38).

Il contraente provvederà a proprio carico alla copertura delle spese per:

·         l’assistenza sanitaria, durante il periodo di permanenza in Italia, presentando certificazione al CNR dell’avvenuta iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale – SSN[1], ovvero di stipulazione di polizza assicurativa su base privata;

·         l’assicurazione per la responsabilità civile verso i terzi, presentando certificazione al CNR dell’avvenuta stipulazione di polizza assicurativa per il periodo di permanenza presso l’Istituto.

 

Art. 3

Requisiti per l’ammissione alla selezione

 

Possono partecipare alla selezione i soggetti che siano in possesso dei seguenti requisiti alla data di scadenza del termine per la presentazione delle domande di ammissione:

·         cittadini dell'Unione Europea o di uno Stato Associato[2] o cittadini di altri Stati che abbiano risieduto per almeno cinque anni nell'Unione Europea. Sono esclusi dalla selezione i cittadini italiani. Sono altresì esclusi dalla selezione i cittadini stranieri che abbiano svolto una normale attività in Italia per più di 12 dei 24 mesi precedenti alla data di scadenza del termine per la presentazione delle domande di ammissione.

·         età massima di 35 anni (eventuali eccezioni possono essere prese in considerazione nel caso di periodi dedicati al servizio militare o civile obbligatorio o alla cura dei figli).

·         possesso di un titolo di studio che qualifichi il candidato come Dottore di ricerca nello Stato in cui è stato conseguito.

·         esperienza nel campo della sintesi organica e/o metallorganica.

·         esperienza nelle tecniche di risonanza magnetica nucleare mono e bidimensionale (NMR).

·         buona conoscenza della lingua italiana e/o inglese.

 

Non possono essere titolari di contratti d’opera i dipendenti del CNR con contratto a tempo determinato o indeterminato.

I contratti d'opera sono compatibili con i rapporti di lavoro subordinato presso Amministrazioni pubbliche od Enti pubblici o privati previa autorizzazione da parte del datore di lavoro.

I contratti d’opera non sono cumulabili con borse di studio a qualsiasi titolo conferite dal CNR o da altri Enti e istituzioni di ricerca.

 

Art. 4

Domande di ammissione: modalità per la presentazione

 

A) DOMANDE DI AMMISSIONE

Le domande di partecipazione alla selezione, redatte in carta semplice secondo lo schema di cui all’allegato A, dovranno essere presentate direttamente (dal lunedì al sabato dalle ore 9.00 alle ore 12.00) o inoltrate a mezzo raccomandata A.R. al:

 

dott. Claudio Bianchini

Direttore

ICCOM - CNR

Via Madonna del Piano

50019 Sesto Fiorentino, Firenze

Italia

 

entro il termine perentorio del 25 febbraio 2004. Della data di inoltro farà fede il timbro postale. Le domande inoltrate dopo il termine fissato e quelle che risultassero incomplete non verranno prese in considerazione.

L'ICCOM non assume alcuna responsabilità per la dispersione di comunicazioni dipendente da inesatta indicazione del recapito da parte del candidato o da mancata oppure tardiva comunicazione del cambiamento dell'indirizzo indicato nella domanda, né per eventuali disguidi postali o telegrafici non imputabili a colpa dell'Istituto stesso, o comunque imputabili a fatto di terzi, a caso fortuito o forza maggiore, né per mancata restituzione dell'avviso di ricevimento in caso di spedizione per raccomandata.

I candidati portatori di handicap ai sensi della legge n. 104 del 5 febbraio 1992, dovranno fare esplicita richiesta, nella domanda di partecipazione alla selezione, in relazione al proprio handicap, riguardo l'ausilio necessario, nonché l'eventuale necessità di tempi aggiuntivi per l'espletamento del colloquio, ai sensi della legge suddetta.

Nella domanda dovrà essere indicato il domicilio che il candidato elegge ai fini della selezione. Ogni eventuale variazione dello stesso dovrà essere comunicata all'ICCOM.

Ai sensi dell'art. 3, punto 5, della legge 15 maggio 1997, n. 127 non è richiesta l'autenticazione della sottoscrizione della domanda.

 

Gli aspiranti dovranno allegare alla domanda, in unica copia:

1)     certificazione in carta libera relativa al conseguimento del dottorato di ricerca.

2)     autocertificazione di non aver svolto una normale attività in Italia per più di 12 dei 24 mesi precedenti alla data di scadenza del termine per la presentazione delle domande di ammissione.

3)     curriculum della propria attività scientifica e professionale nel quale l’aspirante indicherà gli studi compiuti, i titoli conseguiti, gli incarichi assunti, le funzioni svolte e le pubblicazioni e/o brevetti (datato e sottoscritto);

4)     elenco di tutti i documenti e titoli che si ritengono utili ai fini della selezione che saranno presentati con le modalità di cui al successivo punto B (datato e sottoscritto);

5)     elenco delle pubblicazioni e/o brevetti da presentare con le medesime modalità di cui al punto B (datato e sottoscritto).

Ai sensi della normativa vigente, il certificato di cui al punto 1 potrà essere sostituito da una dichiarazione sostitutiva di certificazione (vedi allegato B).

 

B) TITOLI VALUTABILI E PUBBLICAZIONI

Tutti i documenti e titoli di cui al curriculum che il candidato ritiene utile produrre ai fini della valutazione devono essere presentati in originale, o in copia autenticata ovvero in copia dichiarata conforme all’originale mediante la dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà resa ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica 20 ottobre 1998 n. (vedi allegato B), corredata di fotocopia di un documento di identità in corso di validità del candidato sottoscrittore. È possibile altresì produrre, in luogo del titolo, una dichiarazione sostitutiva della normale certificazione, ai sensi dell’art. 1 del citato decreto o una dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà ai sensi dell’art. 2 dello stesso decreto del Presidente della Repubblica (vedi allegato B). Le dichiarazioni sopra indicate, dovranno essere redatte in modo analitico, e contenere tutti gli elementi che le rendano utilizzabili ai fini della selezione, affinché la Commissione esaminatrice possa utilmente valutare i titoli ai quali si riferiscono. Le autocertificazioni previste per i cittadini italiani si applicano ai cittadini dell’Unione Europea (art.5 DPR n.403/1998). I cittadini extracomunitari residenti in Italia possono utilizzare le dichiarazioni sostitutive limitatamente ai casi in cui si tratti di comprovare stati, fatti e qualità personali certificabili o attestabili da parte di soggetti pubblici o privati italiani. Il CNR potrà procedere in qualunque momento ad idonei controlli sulla veridicità delle dichiarazioni sostitutive.

 

Art. 5

Esclusione dalla selezione

 

I candidati sono ammessi con riserva alla selezione. L'esclusione dalla selezione per difetto dei requisiti può essere disposta in ogni momento con provvedimento motivato del Direttore dell'ICCOM.

 

Art. 6

Commissione esaminatrice

 

La Commissione esaminatrice è nominata con provvedimento del Direttore dell’ICCOM ed è composta da tre membri esperti nel settore di attività indicato all'art. 1 e da almeno un membro supplente.

Nella prima riunione, la Commissione elegge al proprio interno il Presidente, e stabilisce il componente che svolgerà le funzioni di segretario.

 

Art. 7

Modalità di selezione e graduatoria

 

La Commissione esaminatrice procede alla selezione mediante la valutazione dei titoli e un colloquio. La Commissione dispone complessivamente di 100 punti, di cui 70 punti per la valutazione dei titoli e 30 punti per il colloquio.

La Commissione esaminatrice, nella prima riunione, determina i criteri di massima per la valutazione dei titoli.

Al colloquio sono ammessi i candidati che abbiano riportato un punteggio non inferiore a 49/70 nell’esame dei titoli.

L'avviso di convocazione al colloquio è inviato ai candidati, mediante lettera raccomandata A.R., almeno 20 giorni prima di quello in cui il colloquio medesimo dovrà essere sostenuto. Nell'avviso medesimo sarà data comunicazione del punteggio riportato nella valutazione dei titoli.

Il colloquio s’intende superato dai candidati che abbiano riportato un punteggio non inferiore a 21/30 ed abbiano dimostrato una buona conoscenza della/e lingua/e di cui all’art. 3. Al termine della seduta relativa al colloquio, la Commissione forma l'elenco dei candidati esaminati con l'indicazione del punteggio da ciascuno riportato nel colloquio stesso, elenco che, sottoscritto dal Presidente e dal Segretario della Commissione, è affisso nel medesimo giorno all'albo della sede d'esame.

Per essere ammessi al colloquio i candidati devono presentare un valido documento di identità personale. I candidati che non si presenteranno a sostenere il colloquio nel giorno fissato saranno dichiarati decaduti dalla selezione.

Il Consiglio Nazionale delle Ricerche non prevede il rimborso di eventuali spese sostenute dai candidati per la partecipazione al colloquio.

La Commissione conclude la propria attività entro 30 giorni dal termine per la presentazione delle domande. Al termine dei lavori, la Commissione forma la graduatoria di merito ed indica il vincitore della selezione nella persona del candidato che ha conseguito il punteggio finale più elevato in base alla somma dei punteggi conseguiti nella valutazione dei titoli e del colloquio.

A parità di merito è preferito il candidato più giovane.

La graduatoria di merito verrà approvata con provvedimento del Direttore dell’ICCOM e sarà pubblicata, a cura del Direttore medesimo, mediante affissione all'albo dell'Istituto in questione. La graduatoria sarà inoltre disponibile sul sito internet del CNR.

Tutti i partecipanti alla selezione saranno informati dell'esito della selezione mediante comunicazione scritta.

Nel caso in cui il vincitore della selezione rinunci al contratto d'opera, il Direttore dell’ICCOM, sentito il Responsabile della ricerca, può conferire il contratto medesimo al candidato che segue in graduatoria.

 

 

Art. 8

Formalizzazione del rapporto e risoluzione del contratto

 

Entro 15 giorni dalla pubblicazione della graduatoria, il Direttore dell’ICCOM stipulerà con il vincitore un contratto di prestazione d'opera ai sensi degli articoli 2222 e seguenti del codice civile.

Il titolare del contratto di prestazione d'opera adempie la propria prestazione, senza alcun vincolo di subordinazione, nell'ambito di un rapporto di collaborazione coordinata e continuativa, entro il termine indicato nel contratto.

In fase di esecuzione del contratto, qualora il Responsabile della ricerca giudichi la prestazione non conforme a quanto previsto nel contratto stesso, ne informa il Direttore dell'Istituto, che richiede al contraente di adempiere entro un congruo termine. In caso di inadempienza, il Direttore dell'Istituto può recedere dal contratto, erogando il compenso per la prestazione già svolta conformemente al contratto.

Qualora il titolare del contratto d'opera, per sopravvenute ragioni personali, non possa portare a compimento l'attività prevista dovrà darne tempestiva comunicazione al Direttore dell'Istituto e al Responsabile della ricerca. Resta fermo, in tal caso, che il titolare del contratto d'opera riceverà il compenso per la prestazione già svolta conformemente al contratto e dovrà restituire le somme anticipatamente ricevute.

 

Art. 9

Valutazione dell’attività

 

Il Responsabile della ricerca e il titolare del contratto d'opera trasmettono al Direttore dell’ICCOM, prima della scadenza del contratto, una documentata relazione concernente la prestazione oggetto del contratto. Il Direttore valuterà la relazione con giudizio motivato ed insindacabile. In caso di valutazione positiva, il Direttore, sentito il Responsabile della ricerca, si esprime sul rinnovo del contratto.

 

Art. 10

Restituzione dei documenti e delle pubblicazioni

 

Entro 6 mesi dalla data di approvazione della graduatoria, i candidati possono chiedere alla Direzione dell'ICCOM la restituzione, con spese di spedizione a proprio carico, dei documenti e delle pubblicazioni presentate. La restituzione sarà effettuata salvo eventuale contenzioso in atto. Trascorso tale termine, l’ICCOM disporrà del materiale secondo le proprie esigenze, senza alcuna responsabilità.

 

Art. 11

Trattamento dei dati personali

 

Ai sensi dell’art. 10, comma 1, della legge 31 dicembre 1996, n. 675, i dati personali forniti dai candidati saranno raccolti presso l’ICCOM per le finalità di gestione della selezione e saranno trattati presso una banca dati automatizzata per la gestione del rapporto conseguente alla stessa. Gli atti devono comunque essere conservati per un periodo di almeno cinque anni.

Il conferimento di tali dati al CNR è obbligatorio ai fini della valutazione dei requisiti di partecipazione, pena l’esclusione dalla selezione.

I medesimi dati potranno essere comunicati unicamente alle amministrazioni pubbliche direttamente interessate allo svolgimento della selezione o alla posizione giuridico-economica del candidato.

L’interessato gode dei diritti di cui all’art. 13 della citata legge.

Il responsabile del trattamento dei dati è il Direttore dell’ICCOM.

 

Art. 12

Disposizioni finali

 

Per quanto non esplicitamente previsto nel presente bando, si applicano le disposizioni previste dal disciplinare relativo al conferimento dei contratti di prestazione d'opera richiamato nelle premesse, nonché, per quanto compatibile, la normativa vigente in materia di concorsi pubblici.

 

 

IL DIRETTORE

dott. Claudio Bianchini

 

 

Firenze, 6 febbraio 2004

 

Ns. Rif.: Bando n. 10/2004/CO

Prot. n. 17

Posiz.: Direzione

 

Per informazioni contattare:

 

dott. Maurizio Peruzzini

ICCOM - CNR

Via Madonna del Piano

50019 Sesto Fiorentino, Firenze, Italia

Tel. +39-0555225289

Fax +39-0555225203

E-mail mperuzzini@iccom.cnr.it

 

 

 



[1] i cittadini di Stati appartenenti all’Unione Europea, residenti in Italia, sono iscritti a titolo gratuito al Servizio Sanitario Nazionale – SSN (DM Sanità del 18.3.1999 - Assicurazione obbligatoria al Servizio Sanitario Nazionale dei cittadini comunitari residenti in Italia) qualora non abbiano già titolo all’iscrizione stessa a carico dell’Istituzione competente del proprio Stato Membro UE.

[2] Per un aggiornamento puntuale degli stati associati cfr.: http://www.cordis.lu/fp5/management/particip/v-gfpbox4.htm#BOX 4.